CALCIO/Prima Categoria – Nuovo allenatore per la Nuova Kamarinense.

La “seconda” squadra di Santa Croce Camerina riorganizza le fila per fare un campionato diverso – migliore – di quello dello scorso anno. Padre e figlio in squadra. Manca lo spirito santo e poi si vince tutto.

SANTA CROCE CAMERINA – Riorganizzazione d’organico per la Nuova Kamarinense, che si prepara per la Prima categoria per l’annata 2011/2012. Il presidente storico della squadra, Salvatore Corallo, ha riassettato le fila dirigenziali dopo la fuoriuscita del mr dello scorso anno, Michele Santoro, che ha preferito seguire la propria carriera passando tra le fila del Santa Croce Calcio di Promozione.

La scelta del nuovo allenatore è caduta su Rodolfo Spitale, lunghi anni nel mondo del calcio ma da almeno cinque fermo per quanto riguarda la collaborazione con società di calcio. In questi anni, Spitale, si è rivolto più al mondo dell’arbitraggio prima con il gruppo di arbitri indipendenti Ais e poi con lo Gnais.

Rodolfo Spitale. La grinta certa, le capacità tecniche ed il baffo in stile "Gengis Khan" potrebbero voler dire che da dove passa lui non crescerà neanche più un filo d'erba. Una tragedia per i campi di calcio in erba, quei pochi che ci sono!

Adesso rientra tra le fila del calcio operativo con la Nuova Kamarinense, squadra con cui aveva collaborato appunto 5 anni fa. “La richiesta delle dirigenza – dice Spitale – è per mantenere una buona posizione di classifica e giocare un campionato di buon profilo“.

Proprio per questo la dirigenza con Corallo in testa, stanno seguendo le indicazioni sugli eventuali nuovi ingressi in squadra. Si è già tesserato Tonino Vacante, dal Marina di Ragusa mentre altri nomi sono al vaglio, tra cui il previsto il rientro in squadra di giocatori che lo scorso anno hanno avuto poco feeling con il vecchio mister, rimanendo quindi fuori rosa. Per i nuovi, con molta probabilità si tratterà di giocatori provenienti dall’Up Scicli – Spitale è sciclitano – e che sono disposti a seguirlo nella nuova avventura. “Siamo ancora alla fase di trattativa – dice il neo mister – ed è meglio non far nomi. Ma si tratta di persone di ottime qualità capaci di fare la differenza“.

Un nome però è possibile farlo e si tratta di Mattia Spitale, guardacaso figlio di Rodolfo, è uomo di punta dello Scicli promosso lo scorso anno. Un po’ per fede, un po’ per famiglia, Mattia segue il padre a Santa Croce Camerina.

Prima discesa in campo il 29 agosto per gli allenamenti di rito in vista del campionato che parte il 25 settembre.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...