SPORT OFF/Miss Italia – Jeannette: “Io Miss Italia di chi mi ha sostenuto”.

ESCLUSIVA – Finalista tra le 5 più belle d’Italia. Un’esperienza forte ma indimenticabile, forse da rifare, tra qualche anno. Jeannette Sammartino ci racconta la sua esperienza a Miss Italia. Quando ancora non si sono spente le luce della tv e dei riflettori.

testo | redazione
foto | organizzazione

MONTECATINI – Miss Italia è conclusa da poche ore, le telecamere sono ancora quasi accese. La “nostra” Jeannette Sammartino, finalista tra le 5 ultime candidate da cui è venuta fuori la calabrese Miss Italia, Stefania Bivone, alla fine non è riuscita a cingere la fascia più prestigiosa, quella di Miss Italia ed è arrivata 6. Vuol dire che è la sesta ragazza più bella d’Italia: e scusate se è poco.  

Nella serata di ieri, Jeannette ha avuto il compito di rappresentare, lei da sola, la Sicilia, dopo che la Miss Sicilia, la catenese Vanessa Cozza, era stata elminata ai turni precedenti. Un vantaggio, tutto sommato, perchè su di lei si poteva concentrare il televoto di tutti i siciliani.

La sfida finale però non ha portato a questo risultato in cui, silenziosamente, forse molti addetti ai lavori credevano, sia per la bellezza indubbia di Jeannette, sia per il “mood“, il clima che si respirava nel dietro le quinte del palazzetto dello sport di Montecatini, sede di questa due-giorni-due di finale di miss.

La Storia, però, ha scritto un’altra pagina non regalando la vittoria a Jeannette ma certamente lasciandole un’esperienza che, lei stessa, giudica indimenticabile.

Qualche minuto fa, siamo riusciti a raggiungere al telefono Jeannette, proprio in procinto di lasciare l’albergo che è stata la sua “casa” per questi ultimi 20 giorni. Tranquilla nella voce, molte serena e con un tono “maturo”, anche per chi non la conosceva prima di questa sua esperienza.

Buongiorno Jeannette, già in piedi? (sono le 12:30, ndr).
Ma che “già”. Sono sveglia dalle 8:30 pur essendo andata a letto alle 4:30 stamattina.

Che avete fatto?
A parte il dopo miss con le interviste, io personalmente sono rimasta a fare la valigia, che non avevo avuto modo e voglia di fare prima. Tra un po’ si parte.

Finita questa esperienza, che ti rimane come sensazione immediata?
Sai, non riesco ad abituarmi ad essere senza assistenti, senza body-guard. Per queste tre settimane siamo state seguite passo passo sempre da qualcuno. Una sensazione, devo dire, di assoluta protezione. Forse necessaria perchè era un modo anche di salvaguardare la nostra sicurezza. Stamattina, uscendo dalla stanza per andare a salutare le altre ragazze, mi sono guardata in giro per vedere se c’era qualcuno a cui chiedere: “Posso andare a salutare le altre ragazze”? (continua dopo la foto)

.

Una dei tanti defile cittadini per le vie di Montecatini.

.

Senti, diamo i voti. Da 1-a-10 quanto dai alla miss Italia eletta?
A Miss Calabria…. cioè.. volevo dire.. Miss Italia? Io penso 9-e-mezzo.. anche 10.

E tu quanto ti dai?
Domanda difficile.. devo dire. Non so, io mi darei un 7..magari un 8

Mi sa che ti sottovaluti: sei sempre la 6^ più bella d’Italia. Allora pensi che la giuria abbia fatto bene il suo lavoro?
Penso di si. Devo dire però che incrociando uno dei giurati nel retro palco, mi ha espressamente detto che sul mio nome c’erano stati dei “combattimenti”. Certo, li per li non ho voluto fare polemiche.. ma mi veniva da domandare se c’erano stati tutti sti combattimenti… perchè non sono arrivata seconda.. o terza? (Jeannette ha finito con la selezione delle 5 miss, ndr).

Questa avventura/esperienza di Miss Italia, tu la consiglieresti alle altre ragazze o è una perdita di tempo ed un fuoco fatuo?
Assolutamente si la consiglierei e non è perdita di tempo. E’ un’esperienza bellissima. Però devo dire che è adatta a chi ha un forte carattere. La vita qui, in questi 20 giorni, cambia radicalmente come non ti immagini. Gli orari sono rigidi, i tempi stretti, gli spazi privati praticamente inesistenti. Devi chiedere permesso per fare, praticamente, tutto, anche per vedere i genitori. (volevo dirle che i ragazzi, una volta, facevano il militare per 12 e 18 mesi, ed era così e anche peggio ndr). All’inizio è una cosa tanto anormale, a cui è difficile abituarsi. Per me non era facile svegliarmi senza avere il buon giorno della mamma, magari la colazione pronta o mettersi a lavare i vestiti. Però è una esperienza che serve a motivare, a crescere. Ecco, devo dire che aiuta a crescere e maturare senza dubbio.

Penso che sul palco l’emozione sia stata la compagna per tutto il tempo. Ma quando ti è battuto più forte il cuore?
Certamente ogni passaggio di gruppo, dalle 60 alle 50 e via via, è stato tutto un palpito. Ma il cuore non smetteva di battere forte quando sono arrivata nel gruppo delle ultime 5. Davvero mi chiedevo “ma sono io”?, “sta succedendo davvero”? Ero in una specie di trans. Dietro, nei camerini dove ci cambiavamo d’abito, io ero praticamente imbambolata ed hanno fatto tutto le assistenti per aiutarmi a cambiare. Io chiedevo solo se era vero quello che stava accadendo”.

Dal palco vedevi il pubblico o la mente era “assente”?
Dal palco si vedeva tutto perchè le luci non erano fortemente puntate su di noi. Si vedeva il pubblico, chi applaudiva. Ma devo dire che non avevo troppo timore, non ero particolarmente timida.

Grazie per la tua disponibilità, Jeannette, ti lasciamo correre all’aereo. Ma per il prossimo anno, ci riprovi?
Il prossimo anno non credo. Io ho avuto una fortissima soddisfazione da questa mia partecipazione a Miss Italia. Non sono arrivata prima ma il mio obiettivo di “vittoria” l’ho raggiunto. Io mi sento Miss Italia delle persone che mi hanno sostenuto, che mi hanno aiutato, che hanno creduto in me. Io ho voluto trasmettere la mia semplicità, quello che sono davvero. E quello che continuerò ad essere anche tornando a casa, a scuola (frequenta il liceo scientifico, ndr), facendo togliere dalla testa di tutti l’idea che io sia una che “se la tira” perchè ha fatto Miss Italia. Io sono e sarò sempre la Jeannette che è andata anche a Miss Italia. Se rifarò questa esperienza? il prossimo anno no. Ma magari, passata questa fase, chissà, per scommessa potrei ancora provarci.

Ma se ti chiamassero per lavorare nel mondo della tv, dello spettacolo, ci vai?
Certamente. Questo è un treno che è passato e come si dice, i treno giusto passa una sola volta. Se mi dovesse capitare l’occasione, la coglierei al volo”. (continua dopo la foto)

.

Jeannette con i genitori, qualche ora fa, prima di avviarsi verso la partenza per la Sicilia.

.

Lasciamo Jeannette pronta per andare a prendere il suo volo per Catania e poi Caltagirone, dove certamente il sindaco della città, diventato suo fan sfegatato, come minimo la riceverà in comune. Stamattina “Miss Italia nr. 6” è uscita dall’albergo in jeans e scarpette, nature come dicono gli esperti, senza trucco. Non che ne avesse bisogno ma diversa da tante altre sue “colleghe” che ancora sotto la sensazione dei riflettori, sono uscite con make up al top e scarpe con tacco 12 cm.

L’adrenalina ancora le corre in corpo. Sono passate ancora così poche ore dalla fine di questo abbaglio che è Miss Italia. Certamente per lei potrebbero aprirsi delle porte interessanti in questo mondo che è lo spettacolo. Chi è addentro a questo universo fa notare che Jeannette non ha preso nessuna fascia. E questo non è un handicap ma anzi può essere un vantaggio perchè le miss “fasciate” sono legate allo sponsor e non possono far altro che rimanere un anno a disposizione delle esigenze di comunicazione e pubblicità. Chi come Jeannette è arrivata tra le prime 5, si è certamente messa in luce ed i talent-scout sono sempre a caccia di nuovi visi e volti per quel forno bruciatutto che è la tv. Per cui non è impossibile pensare che un giorno Jeannette riceva una telefonata che la convochi a Milano o Roma.

Per Miss Italia, non si sono ancora spente le stelle su questa edizione, la 72, che già la edizione 73° nasce. Sul sito di miss Italia è già comparso il modulo per l’iscrizione alla edizione 2012. Venghino siori, venghino._

°°°

[un grazie a Jeanette per la cortese disponibilità mostrata e ad Antonello Consiglio della struttura organizzativa di Miss Italia]

***

Tutto il percorso di Miss Italia seguito da Sport Ibleo, si può trovare qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...