TENNIS – Allenamenti non solo in campo. Il “coaching”.

Un corso per “coaching”, le tecniche più adatte per far si che l’allenatore trasferisca la giusta mentalità al giovane atleta. Ma non a Ragusa.

PERUGIA – Allenare è, sempre più e sempre meglio, non solo una questione di fisico ed allenamento tecnico ma capacità mentale di essere “vincenti” sotto stress e in campo. 

Ecco allora che fondamentale è la figura del coach, del mister, dell’allenatore – per dirla all’italiana – che deve essere capace di trasferire una forma mentis capace di gestire tutti questi aspetti.

Anche nel tennis moderno, il coaching può essere parte integrante di tale aspetto, capace di saper costruire una positiva relazione con il proprio atleta da determinarne una crescita sul piano umano.

Nel tennis moderno questa nuova figura professionale è ormai da tenpo diventata importantissima infatti  molti coache italiani sono ai vertici di questa categoria.

E proprio in tal senso un percorso di formazione e specializzazione lo hanno fatto Alfio Barbagallo e Nicola Grasso, impegnati nel mondo tennistico ibleo in un corso tenuto in Umbria con insegnanti del calibro di Claudio Pistolesi ex giocatore di vertice che, abbandonata l’attivita agonistica, come allenatore ha portato al successo tennisti  come Simone Bolelli e  soprattutto Robin Soderlin svedese stabilmente nei top ten dell’ ATP. Alla due giorni invitati a partecipare anche Giorgio Di Palermo (board ATP), Vittorio Selmi (ATP manager), Cino Marchese (manager, ex presidente IMG Italia), Fabrizio Fanucci (coach di livello A della GPTCA), Alberto Castellani (coach ATP e presidente internazionale della GPTCA) .

Il corso è stato organizzato dalla GPTCA, acronimo che sta per Global Professional Tennis Coach Association neonata associazione del settembre 2010 e che si pone come una sorta di “sindacato” dei maestri di tennis con la vellietà di riunire tutti sotto la stessa sigla, sia per la difesa del diritto del “coach lavoratore” sia fornendo anche una formazione continua ai propri iscritti. Oltre a Castellani, come presidente anche della sezione italiana, sono presenti Toni Nadal, noto zio e coach di Rafael n° 1 ATP, Dirk Hordorff, coach tedesco di Tipsarevic, Schuettler e Lu, Giorgio Di Palermo membro anche del Board dell’ATP, Rainer Schuettler, ex giocatore di Coppa Davis tedesco._

.

Da sinistra Algio Barbagallo, Claudio Pistolesi e Nicola Grasso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...