CALCIO/Promozione – Lo Scicli scivola sempre più. Ma il fondo, l’ha già toccato.

Situazione tendenzialmente drammatica per lo Scicli che pareggia contro il San Sebastiano. Le cose si fanno serie per la squadra cremisi. Forse un rinforzo tecnico è necessario prima che sia troppo tardi.

Scicli 3 – San Sebastiano 3

testo | ottavio modica

SCICLI – Per lo Scicli oggi doveva essere la gara del riscatto dopo la sconfitta della settimana scorsa sul campo del Real Niscemi. C’è voluto un calcio di rigore di Peppe Romeo, concesso con molta generosità dal sig. Matarazzo, al 50° del secondo tempo, per poter acciuffare un punto che alla luce della classifica non vale tanto, perché colloca la squadra in fondo alla classifica, con una media retrocessione. 

La squadra ospite per quello ha fatto vedere nell’arco dei novanta minuti giocati ha meritato di fare bottino pieno. Hanno da recriminare nel calcio di rigore sprecato in avvio di ripresa da Giusppe Giaconia e nell’espulsione di Fina e Sferrazza. E’ sembrata una squadra ben messa in campo con un centrocampo che ha saputo giocare di rimessa, castigando la difesa cremisi, oggi apparsa molto distratta, con alcuni momenti di amnesia paurosi.

Angelo Massari, DS dell' Up Scicli. Forse a lui è adesso demandato il compito di vedere cosa è possibile fare prima che la squadra affondi del tutto.

Al 4°, Scicli subito avanti con Vindigni che costringe Diego Giaconia, ad un brutto fallo, giusta l’ammonizione. Dalla punizione seguente il gol del vantaggio ad opera di Tasca.

Al 10°, lo Scicli perde il suo pezzo migliore del centrocampo Guglielmo Vilardo, per un risentimento muscolare. Al 14°, Luciano Savà al limite dell’area, nel tentativo di colpire la sfera di testa, sbilanciato, con tanto mestiere, dall’avversario tocca la sfera con le mani, punizione dal limite e pareggio di Alessandro.

Al 20°, primo angolo dello Scicli, batte Enrico Assenza, sul lungo traversone Peppe Voi fa secco La Russa con un bel diagonale. Al 23°, punizione dalla trequarti di Giaconia Diego per la testa di Riccobene, palla all’incrocio dei pali.

Al 28°, Stefano Scifo fugge sulla fascia destra appena in area effettua un tiro cross per l’accorrente Vindigni fermato in fuorigioco. Al 33°, progressione imperiosa di Stefano Scifo sulla fascia destra con la difesa ospite che si rifugia affannosamente in angolo. Al 35°, Alessandro si presenta da solo davanti a Lutri, spreca banalmente mandando la sfera alta sulla traversa. Nella ripresa, al 1° gioco fermo con Savà che si fa male.

Al 5°, il mobilissimo Giuseppe Giaconia, viene atterrato appena dentro l’area. Rigore sacrosanto. Si incarica della trasformazione lo stesso Giaconia, Yuri Lutri si stende in tuffo e para in presa. Al 9°, ancora Yuri Lutri protagonista su Giaconia Giuseppe, para a terra un suo tiro insidioso.

Al 22°, Claudio Vindigni liberatosi in area del diretto avversario calcia un po’ debole, La Russa in due tempi chiude il tiro. Al 29°, Fina commette un fallo da ultimo uomo su Ciccio Drago, espulsione. Al 41°, Claudio Vindigni di testa impegna La Russa ma l’arbitro aveva fischiato una posizione di off side.

I cremisi spingono ma non trovano la giocata lucida. Al 49°, Saverio Dongola viene spinto in area in modo vistoso da Sferrazza, il quale si becca il rosso diretto e costringe la sua squadra a subire il calcio di rigore. Dagli undici metri si incarica Peppe Romeo, tiro secco ma centrale con La Russa che riesce a deviare la sfera, la quale rotola in rete.

Questo rocambolesco pareggio non accontenta nessuno, specialmente lo Scicli che non riesce ad imporsi in casa, anche con modesti avversari. La dirigenza è chiamata in tempi brevi ad alcune riflessioni importanti, prima che sia troppo tardi. A centrocampo occorre in modo inequivocabile un giocatore di personalità in grado di dare equilibrio all’intera squadra. La volontà, il cuore, l’aggressività non possono compensare alle lacune tecniche, che vengono messe a nudo quando si affrontano squadre che si sanno chiudere._

°°°

SCICLI: Lutri, Voi, Brafa, Tasca, Savà (18° st Romeo), Grimaldi (7° st Drago ), Scifo S., Gazzè, Vindigni, Assenza, Vilardo (10° pt Dongola ). In panchina: Bonuomo, Arrabito, Roccasalva, Lasagna. All: Rosa.

SAN SEBASTIANO: La Russa , Fina, Di Silvestre, Giaconia D. , Cammarata , Sferrazza , La Terra (33° st Di Carlo ), Riccobene, Giaconia G. , Alessandro , Di Benedetto. In panchina: Manganaro, Vinci, Buscemi, Ciuro, Rizzo, Valenti. All.: Rizzo.

Arbitro: Paolo Matarazzo di Siracusa collaborato da Luigi Barbagallo e Alfio Conti di Acireale.

Marcatori: 5° pt Tasca, 15° pt Alessandro, 20 pt Voi, 23° pt Riccobene, 24° st Giaconia G., 50° st Romeo (rigore).

Note: Espulsi al 29° e al 49° del st Fina e Sferrazza del San Sebastiano. Angoli: 6-5 per lo Scicli. Recupero: pt 1’, st 6’.

Ammoniti: Savà e Assenza nello Scicli, Giaconia D. e Riccobene nel San Sebastiano.

Spettatori 250 circa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...