RUGBY/Junior/U14 – Il RAC dei giovani salva “l’onore” contro il Padua.

4^ GIORNATA – Visto che gli “anziani” hanno sbattuto contro il muro della difesa del Padua perdendo (vedi dopo), i giovani del Rac hanno ben pensato di riequilibrare la giornata vincendo il proprio derby contro i pari età del Padua Rugby.

Rugby Audax Clan 34 – Padua Rguby Ragusa 10

fonte | rugby ragusa
foto | società

RAGUSA – Cosi come nella prima partita disputata e vinta contro i cugini del Padua per 48-a-0, il RAC ha mostrato una superiorità tecnica e tattica alquanto evidente, aggredendo costantemente gli avversari e dimorando stabilmente nella loro metà campo. 

Per quanto riguarda invece il Padua, a loro và il merito di aver mostrato carattere e di non essersi mai arresi, la loro tenacia è stata cosi premiata dalla marcatura di due mete.

Inizio di partita con il RAC che attacca e mette in mostra belle giocate con il reparto dei trequarti, già al 2° minuto una bella meta di Danny Gurrieri, schierato a trequarti ala, portava i suoi avanti sullo 0-a-5.

Passano altri tre minuti e l’ala ragusana si ripete con una bella azione personale che lo vede cavalcare il campo coast to coast , invano inseguito dai giocatori della squadra di casa, ricordiamo che il Padua era la squadra ospitante, Massari dalla piazzola trasforma ed il risultato và sullo 0-a-12.

IL RAC mette in evidenza belle giocate, alternando percussioni con il pack a giocate al largo con i propri trequarti, il gioco dei tutti neri, mette in chiara difficoltà i padroni di casa , che si trovano a capitolare nuovamente al 10° minuto, trafitti dall’altra ala del RAC Salvo Cascone (0-a-17).

Al 14° minuto il RAC conquista anche il bonus, grazie alla quarta meta, la terza personale di Danny Gurrieri che porta i suoi sullo 0-a-22.

Il primo tempo si conclude con la meta di potenza di Giacchi, la terza linea è brava ad incunearsi tra la difesa ospite e posare l’ovale oltre la linea di meta ( 0-a-27 ).

Nel secondo tempo i tecnici Maratea e Lucenti effettuano i vari cambi, facendo entrare tutti i ragazzi presenti in panchina – ben 15- ma stravolgendo di fatto l’assetto tattico della squadra.

L’incontro va avanti senza grandi sussulti, con un gioco frammentario, caratterizzato da vari errori, bisogna attendere il 20° minuto per vedere muoversi il tabellino, questa volta è il Padua ad andare in meta e portare il risultato sul 5-a-27.

La meta da uno scossone ai tutto neri che hanno una reazione veemente, andando a varcare la linea di meta in meno di un minuto, questa volta è capitan Lupan che dopo aver marcato provvede anche a trasformare 5-a-34.

C’è ancora tempo per la seconda meta dei padroni di casa che al 23° minuto portano il risultato sul 10-a-34, risultato con il quale termina l’incontro.

Moderatamente soddisfatto il tecnico Lucenti: “Dobbiamo prendere in seria considerazione di presentare una seconda squadra il regolamento non da limiti ai giocatori da portare in panchina ma ad onor del vero obbliga giustamente il loro utilizzo, è chiaro ed evidente che in tal modo snaturiamo l’assetto della squadra, cosi come avvenuto fino ad oggi nei secondi tempi”._

Annunci