RUGBY/Serie C – Il Padua è il più grande. Battuto il Rac nel derby ibleo.

Il Padua Rugby si “magna” il Rac con un boccono grosso 20 punti contro gli 8 del Rugby Clan Audax.

Padua Rugby Ragusa 20 – Rugby Audax Clan Ragusa 8

RAGUSA – I derby non servono solo a mettere davanti due tifoserie, che sembra essere diventata l’unica aspettativa delle “stracittadine”. Soprattutto servono a chiarire il valore di due squadre che fanno parte di uno stesso contesto sociale e cittadino. E se nel rugby serviva avere un chiarimento su chi tra Padua Rugby e Rugby Clan Audax era il più “forte”, il Padua ha fatto capire che la tradizione paga.

Infatti, davanti ad un folto pubblico che ha riempito gli spalti dello stadio di contrada Petrulli le due squadre iblee hanno dato vita ad un incontro combattuto e leale che ha sicuramente divertito i tanti affecionados della palla ovale. 

Si trattava del 5° derby, i primi quattro erano andati in appannaggio al Clan ma quest’ultimo aveva un significato particolare in quanto le due squadre si trovavano in testa al campionato di Serie C, con le due squadre separate da un solo punto in classifica.

Alla fine il campo ha detto Padua e, ad onor del vero, la capolista ha meritato la vittoria con gli azzurri che dimostrato una certa superiorità in diversi ambiti del gioco.

Da parte sua il RAC ha dovuto fare a meno di Pluchino, infortunatosi nella seduta d’allenamento di venerdì ma ha recuperato Turi Bellina.

La prima fase dell’incontro contraddistinto da un sostanziale equilibrio tra le due squadre con il Rugby Audax Clan che sfiora la meta con Trovato. Ma a passare in vantaggio sono i ragazzi del Padua con Antonio Modica che va in meta con Peppe Iacono però che sbaglia la trasformazione portandosi a 5-a-0.

IL RAC è evidentemente troppo contratto, non riesce a sviluppare il proprio gioco, apparendo lento e prevedibile, il Padua ha cosi la supremazia nelle fasi statiche, mostrando anche una maggiore reattività nei punti di incontro.

Al 33° minuto il RAC avrebbe la possibilità di accorciare ma il calcio, per’altro facile da una ventina di metri, di Scrofani si stampa sul palo. Il primo tempo finisce in tal modo sul 5-a-0 per il Padua.

Nel secondo tempo ci si sarebbe aspettata una reazione dei neri del Rac ma è il padrone di casa – formalmente oggi il Padua – ed i ragazzi di Peppe Gurrieri chiudono tutte le fessure, lasciando i “neri” nella loro metà campo. Al 44° èd al 48° è il piede di Peppe Iacono a portare ancora avanti i suoi sull’11-a-0.

A questo punto il RAC ha un’impennata di orgoglio ed incomincia a sviluppare il gioco al largo, lanciando i propri trequarti, al 52° è l’ala Caruso ad andare in meta all’altezza della bandierina, Scrofani sbaglia la trasformazione ( 11-a-5).

Il RAC a questo punto dimostra di credere nella rimonto ma gli attacchi vanno ad infrangersi contro l’attenta difesa dei padroni di casa e sono anzi quest’ultimi ad allungare ulteriormente al 60° minuto grazie ad un calcio di Peppe Iacono (14-a-5).

Il RAC a questo punto perde anche Aprile, costretto ad uscire per infortunio ed il tecnico Migliorisi è costretto a modificare la mediana, portando Minardi ad apertura e Schininà a mediano di mischia.

La partita diventa più nervosa , costellata di vari falli, anche se mai pericolosi o violenti, al 71° minuto il RAC si porta sotto di 6 lunghezze , grazie ad un calcio di Scrofani (14-a-8).

Con solo 6 punti da recuperare e 9 minuti da giocare, sarebbe servita più lucidità da parte dei tutti i blacks per gestire le varie situazioni di gioco. Ma il Padua oggi era in “palla” (ovale) e non ha lasciato spazio ad alternative. Anzi, ancora un calcio di punizione centrale per l Padua che Peppe Iacono  trasforma per il  17-a-8. In occasione del calcio, è stato anche allontanato l’estremo Bellina per fallo di reazione ed il Rugby Audax Clan è rimasto in inferiorità numerica.

In pieno recupero Peppe Iacono, metteva dentro l’ennesimo calcio, fissando il punteggio finale su 20-a-8.

Vittoria senza mezzi termini per il Padua che ha condotto, anche a giudizio degli avversari “una partita perfetta”.  Il premio come Man of the match, oggi viene eccezionalmente dal Padua assegnato a due giocatori: Adriano Nicita, perché con lui in mischia il pacchetto biancazzurro è diventato pressoché invincibile e a Lorenzo Mastino Castiello, che ha placcato ogni oggetto – animato e non ed in movimento – che gli è passato accanto.

Soddisfattissimo il coach del Padua, Peppe Gurrieri: “È stata una bella partita. Noi abbiamo concesso pochissimo e abbiamo vinto con merito. La nostra mischia ha distrutto quella dei nostri avversari. Sono molto contento per come abbiamo giocato. Non per niente siamo primi”.

Meno festoso il commento dal Clan anche se “è una sconfitta che seppur non pregiudichi nulla in ottica play off – dicono dallo spogliatoio – dovrà fare riflettere sulle reali capacità della squadra di gestire tatticamente certi incontri. Non si possono regalare le fasi di mischia e touche agli avversari, ma cosa ancor più grave non essere in grado di velocizzare il gioco al largo e imprimere il proprio ritmo. Di certo però – continuano dal Rac – quelle poche volte che i tutti neri lo hanno fatto, hanno messo in seria difficoltà la squadra di casa“._

°°°

CLASSIFICA
(fonte: padua rugby)

Squadra
P.ti
G
V
N
P
PF
PS
MF
MS
B
01
Padua Ragusa
19
04
04
00
00
118
33
16
04
03
02
Audax Ragusa
14
04
03
00
01
136
46
20
03
02
03
CUS Catania
14
04
03
00
01
111
73
17
09
02
04
Aquile Tirreno Barcellona
11
04
02
01
01
78
43
10
03
02
05
Catania 2009
08
04
02
00
02
43
71
04
10
00
06
Aquile Enna *
03
04
01
01
02
22
49
02
07
01
07
Logaritmo Messina
02
04
00
01
03
31
168
04
27
00
08
Misterbianco *
-02
04
00
00
04
22
78
01
13
02
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...