CALCIO – A Vittoria si ricomincia da due: Barravecchia e Cammalleri. Per qualche giorno.

Pietro va al fronte. Cammalleri chiamato a fare da “presidente pro tempore cuscinetto” in vista del passaggio di quote tra Di Paola/Mascara e Barravecchia che, poi, ci rimette 30.000 euro quasi. Nuovo presidente un comisano? Solidarietà della società a coloro colpiti dal Daspo dopo l’ultima partita.

testo | redazione

VITTORIA – Gira vota e furria, ormai si sa, il Città di Vittoria dopo la crisi del gruppo vittoriese -vs- catanese è rimasta nelle mani di Barravecchia che, se non soldi, ci metterà il cuore per tenere in piedi questa squadra che ormai non è dream-team. Ma, abracadabra, il tutto solo per qualche giorno, il tempo che i catanesi tornano giù con qualche assegno.

Un vero film con suspance, finale a sorpresa e controfinale, ancora non scritto e non visto, a doppia sorpresa. Roba che sembra scritta a tavolino da qualche sceneggiatore.

Si ricorderà che, dopo la entrata in collisione Barravecchia -vs- Di Paola/Mascara(e qui ognuno porta le sue ragioni, chi di assegni non onorati chi di impegni altrettanto non onorati) Barravecchia se n’era andato aprendo una crisi di governo.

Pietro Cammalleri (dx) è il presidente. Peppe Mascara (sx) non si sa.

Il tira-e-molla tra Catania e Vittoria, con chiamata in causa dell’amministrazione comunale di Vittoria, è andato avanti senza avere chiaro, almeno gli esterni come noi, che cavolo stesse succedendo. Certo, probabilmente, Barravecchia&Co non avevano la forza economica di andare avanti ma d’altra parte uscire con le pezze al culo lasciando tutto ai catanesi, non era deontologicamente possibile. Così mentre davanti i gruppi si scontravano, dietro patteggiavano un’uscita dignitosa – almeno il più possibile – per tutti.

Alla fine, almeno oggi, l’equilibrio trovato dovrebbe vedere i catanesi rientrare alla carica per prendersi “il” Città di Vittoria (non “la” città di Vittoria, si spera) rendendo a Barravecchia-quel-che-è-di-Barravecchia, con sconto natalizio del al 50%.

In mezzo a questi giganti, almeno economicamente parlando, un garante della situazione, un cuscinetto di garanzia, si è trovato in Pietro Cammalleri, fino adesso addetto alla stampa e che si è ritrovato presidente con mandato speciale come “presidente di garanzia”.

Fine settimana pesante per Cammalleri, che si trova adesso a gestire, almeno formalmente con potere di firma, il passaggio tra i vittoriesi ed i catanesi.

Perchè questo pare debba accadere la settimana prossima, tra martedi e mercoledi, quando il gruppo Mascara/Di Paola dovrebbe stornare a Barravecchia circa 30.000€, ovvero la metà dell’impegno economico personale del “Barra“, la quota capitale messa sul piatto accanto ai circa 70.000€ sganciati dal “Masca” (Peppe Mascara).

Non riuscendo a rientrare dell’intera cifra- 60.000€ – stoicamente Barravecchia ha comunicato di avere deciso di lasciare sostanzialmente questa cifra come “dono” al Città di Vittoria. Per agevolare questo passaggio, senza colpi di mano da una o dall’altra parte, Pietro Cammalleri è partito volontario per il fronte che, dovrebbe, veder finire la guerra questo prossimo mercoledi.

Allora il Città di Vittoria passerebbe completamente sotto controllo dei catanesi che hanno già, accorciando i tempi, cominciato a trattare nuovi acquisti, a rinnovare contratti e sciogliere accordi. “Sono già in campo al comunale” dice chi dentro il comunale, lo stadio di calcio, ci lavora.

Bene o male per la squadra del Vittoria? Bo! I soldi servono, questo lo si sa e questi paiono averli; l’esperienza calcistica serve e con Mascara c’è certamente. Potrebbe essere “fastidioso” che ci sia un gruppo totalmente catanese alla direzione. Ecco allora che si parla di Marcello Mascara, papà di Peppe, che andrà ad essere il futuro presidente. Anche l’orgoglio paesano, è salvo.

In tutto stò giro di tango, formalmente Pietro Cammalleri è presidente. Magari già mercoledi p giovedi non lo sarà più. Ma siccome è uno che le cose le prende sul serio – ed abbiamo avuto modo di provarlo diverse volte, confrontandoci con la sua innata professionalità nell’affrontare le situazioni – ha emesso il suo “ultimo” comunicato stampa da “adetto alla stampa” del Città di Vittoria e che riportiamo qui di seguito:

Il sottoscritto, Pietro Cammalleri, comunica a tutti gli organi di stampa le proprie dimissioni dall’incarico di “addetto alle pubbliche relazioni esterne” del’Acd Città di Vittoria. Decisione dovuta per motivi personali e dopo le ultime vicende societarie. D’altresì comunico che fin quando mi rimarrà legalmente la carica di Presidente della società biancorossa, con potere di firma e soprattutto responsabilità verso gli organi competenti, vigilerò che tutto proceda nel verso giusto sino al passaggio di consegne alla nuova presidenza che dovrebbe avvenire tra alcuni giorni.  Concludo ringraziando Voi organi di stampa per la collaborazione datami in questi lunghi mesi, gli ex e attuali dirigenti, i calciatori e i tifosi. Auguro al Vittoria una pronta risalita su tutti i punti di vista“.

Polizia contro candidati alla Daspo.

Facciamo un sincero augurio a Pietro Cammalleri per questo volo volontario ai piani alti. Ma attenzione a non perdere l’equilibrio, Pietro.

 Prima di avviarci alla conclsuone di questa puntata di “Ma cchi ffa u Vittoria?”, un altro comunicato, il primo a firma di Cammilleri presidente che “strategicamente” apre verso gli ultras. Il comunicato è firmato anche da Barravecchia come a.d. Oggetto è la solidarietà con gli 8 tifosi del Vittoria colpiti da Daspo per avere acceso fumogeni durante l’ultima partita tra Ragusa e Vittoria. Lo riportiamo integralmente.

“A.c.d. Città di Vittoria. I sottoscritti a nome di tutto il gruppo dirigente che ha rappresentato fino ad oggi e in questi mesi il vittoria calcio e’ solidale con le 8 famiglie dei tifosi biancorossi che sono stati colpiti da D.A.S.P.O. di 3 anni a seguito del derby Ragusa-Vittoria del 13 novembre scorso. Non volendo mettere in dubbio il lavoro delle forze dell’ordine, non siamo assolutamente d’accordo sul fatto che 8 ragazzi che conosciamo personalmente come bravi ragazzi, incensurati e appartenenti a famiglie di onesti lavoratori, possono ricevere un così pesante provvedimento.

Anche perché per accendere dei fumogeni nel parcheggio dello stadio in buona fede, senza dare vita a nessun atto di violenza, solo per fare una semplice coreografia di colori, non può macchiare le carte di 8 sportivi solo perché sconoscevano la legge.  Infatti il parcheggio, per legge, fa parte dello stadio, quindi c’era il divieto di accensione dei fumogeni.

La buonafede di questi ragazzi era già dimostrata dal fatto che accendevano i fumogeni davanti alla telecamera delle forze dell’ordine che riprendevano il tutto.

Una maggiore comprensione da parte della Questura per 8 incensurati e lavoratori che cantavano con un fumogeno acceso fuori dallo stadio avrebbe evitato tutto questo polverone. Prova ne è che il lunedì post-partita in tutti gli organi di stampa potevate leggere e sentire i complimenti di assessori e opinione pubblica alle due tifoserie per il fair-play dimostrato e perché non era stato registrato nessun incidente. E meno male.

Non vogliamo che si sia trovato in questi 8 ragazzi il capio-espiatorio per altri accadimenti o altre forme di antipatia. Auspicando un ripensamento e una riduzione della condanna per i nostri ultras auguriamo un in bocca al lupo alle famiglie per l’esito della questione.

Pietro Cammalleri & Salvatore Barravecchia.”._

Annunci

2 thoughts on “CALCIO – A Vittoria si ricomincia da due: Barravecchia e Cammalleri. Per qualche giorno.

  1. capro espiatorio ignoranti !!!!!!!!! e cmq sarei curioso di sapere da dove prendeva Barravecchia questi 30000 € da metterci di suo !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...